Approfondimento: i meccanismi focali e le faglie

In alcune delle immagini inserite in questo blog, ci sono delle sfere bicolore (1, 2, 3, 4) che vengono utilizzate dai sismologi per indicare alcuni aspetti importanti su come si è verificato il terremoto. Infatti il meccanismo focale è un simbolo che permette di indicare contemporaneamente tre parametri geometrici della faglia che ha generato il terremoto: l’orientazione (strike) e la pendenza (dip) del piano di faglia, e la direzione del movimento su di esso (slip), cioè come si è mossa la faglia.

Figura 1: i tre parametri geometrici della faglia che ha generato il terremoto: l’orientazione (strike) e la pendenza (dip) del piano di faglia, e la direzione del movimento su di esso (slip), cioè come si è mossa la faglia (http://www.gps.alaska.edu).

I meccanismi focali vengono calcolati a partire dai sismogrammi, cioè i segnali sismici registrati dai sismometri, e vengono rappresentati tramite delle sfere bianche e colorate (le cosiddette “beach ball” o palloni da spiaggia) geograficamente orientate (Figura 2).

Figura 2. Diagramma schematico di un meccanismo focale.
Veduta laterale (sinistra) e in pianta (destra) delle sfere focali. I quadranti in compressione (bianchi) e in dilatazione (grigi) sono separati da due piani, che sono i possibili piani di faglia.

Queste sfere sono la proiezione, su un piano orizzontale, della metà inferiore di una sfera immaginaria, la sfera focale, che contiene l’ipocentro del terremoto (Figura 2). Le 2 linee, che dividono le aree bianche da quelle colorate, sono l’intersezione di due piani  sulla sfera focale. Uno di essi rappresenta la faglia che ha generato il terremoto.

Un meccanismo focale contiene quindi indicazioni su due possibili piani di faglia, quello che ha generato il terremoto e quello ortogonale, il piano ausiliario, matematicamente equivalente. Per discriminare tra i due qual è quello che effettivamente si è mosso, bisogna avere conoscenze approfondite delle strutture geologiche esistenti nell’area in cui si è verificato il terremoto, guardare l’allineamento delle repliche dopo un terremoto, analizzare dati GPS ecc.

I meccanismi focali permettono di capire che tipo di movimento è avvenuto in un determinato terremoto, quindi come si è mossa l’area in risposta alla deformazione tettonica.Vediamo i diversi tipi di meccanismo focale e a quali faglie corrispondono.

Figura 3. Tipi di meccanismo focale e delle faglie associate. In alto il tipico terremoto trascorrente (molto comune in California lungo la faglia di San Andreas, ad esempio), al centro il terremoto estensionale (associato a faglie normali, caratteristico del nostro Appennino), più sotto il caso del terremoto compressivo (faglie inverse, come quelli di maggio-giugno 2012 in Pianura Padana); infine in basso un caso “obliquo”, in pratica una combinazione tra due tipi principali.

Facciamo l’esempio del primo meccanismo della Figura 2, il meccanismo strike-slip, ovvero trascorrente.

Il meccanismo focale ci dice che il terremoto può essere avvenuto su una faglia orientata NordOvest-SudEst o su una faglia orientata NordEst-SudOvest. Entrambe le faglie hanno pendenza verticale, infatti solo nel caso di un piano verticale abbiamo che la sua intersezione con una sfera è una linea dritta.

A destra e a sinistra del meccanismo in questione si trova un disegno che rappresenta le due possibili faglie.

Per capire la direzione del movimento (slip) su questi due piani dobbiamo osservare come sono disposte le aree grigie e le aree bianche nella “beachball“. I quadranti grigi indicano le zone sottoposte a compressione, quelli bianchi le zone in distensione.

Il caso dei terremoti della Pianura Padana di maggio-giugno 2012 è il terzo dall’alto in Figura 3 (in quel caso i piani sono orientati prevalentemente est-ovest). Il movimento dei blocchi a lato del mecanismo schematizza proprio il movimento delle faglie inverse sepolte sotto la Pianura Padana. Queste determinano l’accavallamento delle falde appenniniche sepolte al di sopra della placca adriatica, causando sollevamento del terreno e raccorciamento crostale.

Pubblicato il 18 giugno 2012, in Approfondimenti scientifici sui terremoti con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 45 commenti.

  1. Pingback: Terremoto M 7.6 nelle Filippine (31 agosto ore 12:47 UTC) « INGVterremoti

  2. Pingback: Sequenza nel Pollino: aggiornamento 2 ottobre ore 14 « INGVterremoti

  3. Pingback: Terremoto M 7.5 Alaska Meridionale (05 gennaio ore 08.58 UTC) « INGVterremoti

  4. Pingback: Aggiornamento sulla sequenza sismica in Garfagnana (provincia di Lucca): 26 gennaio ore 12.00 « INGVterremoti

  5. Pingback: Terremoto a Santa Cruz Islands del 6 febbraio 2013, Mw 8.0 « INGVterremoti

  6. Pingback: Il terremoto del 25 gennaio 2013 visto dal geologo « INGVterremoti

  7. Pingback: Il terremoto in Garfagnana del 25 gennaio 2013 visto dal geologo « Crescendo in Grazia

  8. Pingback: Aggiornamento sequenza tra le province di Caserta e Benevento, 29 dicembre ore 22.00 | INGVterremoti

  9. Pingback: Continua la sequenza tra le province di Caserta e Benevento: aggiornamento 20 gennaio ore 12.00 | INGVterremoti

  10. Pingback: Evento sismico M 6.3 nelle Isole Ionie – Grecia, 26 gennaio 2014 | INGVterremoti

  11. Pingback: SPECIALE Cinque anni dal terremoto dell’Aquila | INGVterremoti

  12. Pingback: SPECIALE La GEOLOGIA dei terremoti: Il terremoto del 26 marzo 1511 al confine tra Italia e la Slovenia | INGVterremoti

  13. Pingback: Terremoto in Slovenia del 22 aprile 2014: approfondimento | INGVterremoti

  14. Pingback: SPECIALE I terremoti del ’900: Trenta anni fa il terremoto del Friuli (6 maggio 1976) | INGVterremoti

  15. Pingback: SPECIALE I terremoti del ’900: Il terremoto del 7 maggio 1984 in Appennino abruzzese | INGVterremoti

  16. Pingback: Italia sismica: i terremoti di aprile 2014 | INGVterremoti

  17. Pingback: I terremoti dell’Emilia 2012, l’effetto della liquefazione e le conoscenze sismiche pregresse | INGVterremoti

  18. Pingback: Terremoto tra province di Pistoia, Modena e Lucca, 7 settembre ore 12.45: approfondimento | INGVterremoti

  19. Pingback: Terremoto tra province di Pistoia, Modena e Lucca, 7 settembre ore 12.45: approfondimento dell' INGV | Meteo Bergamasco

  20. Pingback: La GEOLOGIA dei terremoti: Faglie sismogenetiche cieche in Pianura Padana | INGVterremoti

  21. Pingback: La GEOLOGIA dei terremoti: Faglie sismogenetiche cieche in Pianura Padana | terremoti e altro

  22. Pingback: GPS e faglie attive: Daniele Cheloni premiato dall’Associazione per la Geofisica “Licio Cernobori” | INGVterremoti

  23. Pingback: Terremoti in provincia di Firenze: aggiornamento, 20 dicembre ore 10 | INGVterremoti

  24. Pingback: Evento sismico in provincia di Cosenza: aggiornamento e approfondimento | INGVterremoti

  25. Pingback: Evento sismico tra le province di Bologna e Prato: aggiornamento e approfondimento | INGVterremoti

  26. Pingback: Evento sismico tra le province di Bologna e Prato: aggiornamento e approfondimento | terremoti e altro

  27. Pingback: Evento sismico in provincia di Udine: aggiornamento e approfondimento | INGVterremoti

  28. Pingback: Eventi sismici tra le province di Firenze e Bologna: aggiornamento | INGVterremoti

  29. Pingback: La GEOLOGIA dei terremoti: Il terremoto della Val d’Agri del 16 dicembre 1857, storia e geologia si interrogano per comprendere un grande terremoto di epoca pre-strumentale | INGVterremoti

  30. Pingback: Evento sismico tra le province di Cosenza, Catanzaro e Crotone: aggiornamento e approfondimento | INGVterremoti

  31. Pingback: Eventi sismici alle Isole Eolie: aggiornamento e approfondimento | INGVterremoti

  32. Pingback: Evento sismico al largo della costa siciliana centro settentrionale (Palermo), Ml 4.0, 20 dicembre: aggiornamento e approfondimento | INGVterremoti

  33. Pingback: Eventi sismici in provincia di Campobasso: aggiornamento del 17 gennaio 2016 e approfondimento | INGVterremoti

  34. Pingback: Evento sismico nello Stretto di Gibilterra, M 6.3, 25 gennaio 2016 | INGVterremoti

  35. Pingback: SPECIALE 2015, un anno di terremoti | INGVterremoti

  36. Pingback: Evento sismico tra le province di Ragusa e Siracusa M 4.6, 8 febbraio: aggiornamento e approfondimento | INGVterremoti

  37. Pingback: Evento sismico di magnitudo 7.8 a sud-ovest di Sumatra, 2 marzo 2016 | INGVterremoti

  38. Pingback: Eventi sismici del 15 aprile 2016 (M 7.0) in Giappone e del 16 aprile (M 7.8) in Ecuador | INGVterremoti

  39. Pingback: Eventi sismici tra le province di Terni e Viterbo: aggiornamento del 31 maggio 2016 ore 16.00 e approfondimento | INGVterremoti

  40. Pingback: Sequenza sismica tra le province di Rieti, Perugia, Ascoli Piceno, L’Aquila e Teramo: aggiornamento e approfondimento | INGVterremoti

  41. Pingback: Terremoto Centro Italia, INGV: numerose repliche, area ad altissima pericolosità sismica - Meteo Web

  42. Pingback: Sequenza sismica tra le province di Rieti, Perugia, Ascoli Piceno, L’Aquila e Teramo: aggiornamento e approfondimento | New Ice Age

  43. Pingback: Terremoto in Italia centrale: le reti GPS misurano lo spostamento della faglia | INGVterremoti

  44. Pingback: Terremoto in Italia centrale: le reti GPS misurano lo spostamento della faglia | studioterremoti

  45. Pingback: Sequenza sismica in Italia centrale: aggiornamento del 30 ottobre 2016, ore 10:00 | INGVterremoti

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: