Evento sismico al largo della costa siciliana centro settentrionale (Palermo), Ml 4.0, 20 dicembre: aggiornamento e approfondimento

Il terremoto di magnitudo ML 4.0 avvenuto questa mattina alle ore 10:46 italiane (20-12-2015 09:46 UTC) al largo della costa siciliana centro settentrionale, ha avuto una sola replica di magnitudo ML 3.1 alle ore 12:15 italiane.

Trattandosi di terremoti abbastanza distanti dalla costa, la localizzazione e la profondità si calcolano con molta difficoltà con i dati della Rete Sismica Nazionale, essendo le prime stazioni distanti circa 30 km dagli epicentri. Pertanto la determinazione della profondità ipocentrale è ottenuta fissando il valore a 5.0 km.

Palermo_strum

Gli eventi sismici avvenuti questa mattina al largo della costa siciliana centro settentrionale: le due stelle bianche rappresentano l’evento delle ore 10:46 italiane di magnitudo ML 4.0 e quello delle ore 12:15 italiane di magnitudo ML 3.1. In questa mappa è mostrata anche la sismicità dal 1985 al 2014. Il cerchio rosso più grande è il terremoto di magnitudo ML 5.6 (Mw 5.9) del 6 settembre 2002. Il cluster di epicentri che si vede a nordest di questo evento sono le repliche (aftershocks) di quest’ultimo, avvenuti tra settembre e ottobre 2002.

La zona interessata da questi terremoti appartiene a una più ampia fascia di deformazione ben nota per la sismicità precedente. Si tratta di una fascia orientata in senso circa est-ovest che corre parallelamente alla costa settentrionale siciliana (30-50 km a nord di essa) che in passato ha avuto terremoti di magnitudo fino a ~6, tra i quali ricordiamo quello al largo di Palermo del 6 settembre 2002 di magnitudo ML 5.6 (Mw 5.9) che provocò danni a Palermo (Imax VI). A parte i terremoti della sequenza del 2002, tutti di magnitudo di poco superiore a 4.0 e tutti più distanti dalla costa di quello odierno, da rilevare un terremoto con Mw=4.3 del 13 aprile 2013 che è localizzato tuttavia quasi 25 km a Ovest di quello avvenuto oggi (http://iside.rm.ingv.it).

tabella_m4insu

La sismicità storica evidenzia terremoti nella medesima area con magnitudo sempre inferiore a 5.9 (quadrati gialli)come gli eventi sismici del 6 settembre 2002, del 15 gennaio 1940 e del 1 settembre 1726 (http://emidius.mi.ingv.it/CPTI11/).

Dalla consultazione del DBMI11 si evince che la massima intensità riportata (VIII-IX MCS) per la città di Palermo è per l’evento del 1/9/1726 di magnitudo stimata Mw 5.6 localizzato a Palermo.

palermo_storica2

Distribuzione della sismicità storica della Sicilia nord-orientale (fonte: CPTI11) e i due eventi sismici avvenuti oggi.

La soluzione automatica (preliminare) del tensore momento sismico, calcolata con i dati di 9 stazioni, per il terremoto di oggi indica una magnitudo momento (Mw) di 4.2. Il meccanismo focale preliminare indica un regime di stress compressivo con l’asse di massima compressione sub-orizzontale con direzione NO-SE e asse di massima estensione quasi verticale in sostanziale accordo con i meccanismi di terremoti precedenti nella medesima zona.

Il terremoto è stato risentito lungo gran parte della costa siciliana centro settentrionale e in particolare a Palermo, come evidenziato dai questionari compilati sul sito http://www.haisentitoilterremoto.it/. Il terremoto è stato risentito a Palermo, Bagheria e Termini Imerese con intensità pari al IV grado MCS.

mcs_20.12.2015_2

La mappa del risentimento sismico in scala MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg) che mostra la distribuzione degli effetti del terremoto sul territorio. Con la stella in colore viola viene indicato l’epicentro strumentale del terremoto, i cerchi colorati si riferiscono alle intensità associate ad ogni comune. Nella didascalia in alto è indicato il numero dei questionari elaborati per ottenere la mappa stessa. http://mappe.haisentitoilterremoto.it/6317171/mcs.jpg

Le mappe di scuotimento indicano accelerazioni di 0.29 %g alla stazione di Palermo (PLR, 31.2 km dall’epicentro) e di 0.18 %gSolunto (SOLUN, 29.9 km dall’epicentro) consistenti con le intensità riscontrate tramite i
questionari. L’accelerazione orizzontale massima è stata registrata sull’isola di Ustica (USI, 52.9 km dall’epicentro) con 0.46 %g.

Secondo la mappa di pericolosità del territorio nazionale (GdL MPS, 2004; rif. Ordinanza PCM del 28 aprile 2006, n3519, All. 1b) espressa in termini di accelerazione orizzontale del suolo con probabilità di eccedenza del 10% in 50 anni, il terremoto è localizzato in una zona con valori di 0.075-0.100 g.

palermo_peric2

Mappa di pericolosità sismica della zona interessata dagli eventi sismici (http://zonesismiche.mi.ingv.it/). Sovrapposti i due terremoti avvenuti oggi.

 


2.Cop_SiciliaUlteriori notizie sulla sismicità e sul rischio sismico in Sicilia sono disponibili nella scheda https://ingvterremoti.files.wordpress.com/2015/06/2-sicilia_20-06_web.pdf

 

Pubblicato il 21 dicembre 2015, in Sismicità Italia con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: