Evento sismico tra le province di Cosenza, Catanzaro e Crotone: aggiornamento e approfondimento

Il terremoto di magnitudo ML 4.1 avvenuto oggi 3 agosto 2015 alle ore 09:27 italiane in Calabria, è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV al confine tra le province di Cosenza e Catanzaro a una distanza di circa 28 km da entrambi i capoluoghi.

Il terremoto è stato avvertito in una vasta area della Calabria, come evidenziato dai questionari sul web del sito dell’INGV, http://www.haisentitoilterremoto.it/, http://mappe.haisentitoilterremoto.it/5884121/mcs.jpg.

In pratica, è stato avvertito con un intensità pari al IV MCS a Catanzaro, Lamezia TermeCosenza.

mcs_3.8.15

La mappa del risentimento sismico in scala MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg) che mostra la distribuzione degli effetti del terremoto sul territorio. Con la stella in colore viola viene indicato l’epicentro strumentale del terremoto, i cerchi colorati si riferiscono alle intensità associate ad ogni comune. Nella didascalia in alto è indicato il numero dei questionari elaborati per ottenere la mappa stessa. (http://mappe.haisentitoilterremoto.it/5884121/mcs.jpg)

L’area è stata interessata nelle immediate vicinanze da terremoti storici molto rilevanti. Nel Catalogo Parametrico dei Terremoti Italiani CPTI11 gli eventi significativi più vicini sono:
l’evento del 1638 di magnitudo Mw7.0 a Ovest-SudOvest dell’evento odierno, gli eventi a Ovest-NordOvest del 1854 e 1870 di magnitudo Mw6.2 e Mw6.1 rispettivamente. Il terremoto del 1638 a NordEst di magnitudo Mw6.9 e l’evento del 1832 di magnitudo Mw6.6 a Est-SudEst.

160447-History_3.8.2015

Sismicità storica dell’Italia nord-orientale (fonte: CPTI). La stella bianca e nera è l’epicentro del terremoto di magnitudo 4.1.

Secondo la Mappa di pericolosità del territorio nazionale (GdL MPS, 2004; rif. Ordinanza PCM
del 28 aprile 2006, n3519, All. 1b) espressa in termini di accelerazione orizzontale del suolo con probabilità di eccedenza del 10% in 50 anni, il terremoto ricade in una zona con valori di 0.250-0.275g, che sono tra i più alti indicati nella mappa.

Localizzazione dell’evento di questa sera, ML 3.7, in provincia di Trento sovrapposto alla Mappa di pericolosità sismica del territorio nazionale.

Localizzazione dell’evento di magnitudo ML 4.1, in provincia di Cosenza sovrapposto alla Mappa di pericolosità sismica del territorio nazionale.

La soluzione del momento tensore indica un meccanismo normale con piani orientati circa NE-SO immergenti alternativamente a NO e SE e compatibili con la cinematica della zona interessata dall’evento. La magnitudo momento Mw è 4.0.

Le accelerazioni massime registrate sono di circa 2.5% g alla stazione di Parenti (PNI; DPC-RAN). La shakemap indica un decadimento delle accelerazioni con la distanza abbastanza omogeneo e concentrico.

distribuzione delle accelerazioni di picco registrate, espresse in percentuale di g, l'accelerazione di gravità = 9.81 m/s².

Distribuzione delle accelerazioni di picco registrate, espresse in percentuale di g, l’accelerazione di gravità = 9.81 m/s². http://shakemap.rm.ingv.it/shake/5884121/download/pga.jpg

Alle ore 14:00 italiane l’evento è stato seguito da 9 repliche con valori di magnitudo compresi tra ML 1.0 e ML 2.7 e poche altre di magnitudo minore di 1.0.


1.Cop_Calabria

Ulteriori notizie sulla sismicità e sul rischio sismico in Calabria sono disponibili nella scheda https://ingvterremoti.files.wordpress.com/2015/06/1-calabria_19-06_web.pdf

Pubblicato il 3 agosto 2015, in Sismicità Italia con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: