Archivi Blog

Gatti che prevedono i terremoti?

Qualche giorno fa ha tenuto banco sul web e sui social media la notizia dello strano comportamento di una comunità di gatti che si trovavano al Cat Café in Giappone, durante il (o prima del?) terremoto a Osaka dello scorso 18 giugno (il 17 sera in Italia). Molti ci hanno segnalato un video, riportato da molti giornali e siti  italiani e stranieri, enfatizzando la sensibilità degli animali prima del terremoto (la Repubblica “Giappone, l’incredibile intuito dei gatti: fuggono prima del terremoto“; La Sicilia.it “I gatti “sentono” il terremoto prima che accada“, Corriere della Sera “Giappone, i gatti «sentono» l’arrivo del terremoto: ecco cosa fanno“, ecc.). Nel video si notano molti gatti che iniziano tutti a muoversi contemporaneamente dalla posizione di torpore che avevano tenuto fino a un attimo prima: chi alza la testa di scatto, chi si rizza in pedi, chi si sposta nella stanza. Circa dieci secondi dopo si vede la stanza ballare fortemente, i lampadari e alcuni mobili oscillano, si sentono rumori di oggetti che sbattono: è avvenuto un terremoto, e anche piuttosto forte.

07:58:45: i gatti del Cat Café sonnecchiano tranquilli prima del terremoto.

Avranno avvertito qualche fenomeno precursore, come ipotizzato dai giornali? O, più banalmente, sono stati allertati dall’onda P (più debole) prima di essere investiti dalla più forte onda S (quella che nel video fa ballare tutto e spaventa gli animali)? Proviamo a fare due calcoli per verificare questa ipotesi, considerando anzitutto il tempo origine del terremoto e quelli delle onde sismiche (il video riporta il tempo che scorre in alto a sinistra); poi verificheremo se le supposizioni fatte in base a questi calcoli sono compatibili con la distanza tra l’epicentro e il “Cat Café”.

Cosa sarebbe accaduto se il Cat Café fosse stato posto, per esempio, a 10 km dall’epicentro? In questo caso un gatto sensibile si sarebbe allertato dopo un paio di secondi (il tempo per un’onda P di percorrere quel tragitto), e avrebbe iniziato a “ballare” seriamente all’incirca dopo altri due secondi (all’arrivo delle onde S, perché queste viaggiano a una velocità di poco superiore alla metà di quella delle P). Allontanandoci dall’epicentro, l’intervallo temporale tra onde S e onde P aumenta.

07:58:48: i gatti del Cat Café avvertono un rumore secco (e forse una vibrazione) e alzano la testa di scatto

Guardando attentamente il famoso video dei gatti, si nota che i gatti alzano la testa e iniziano a muoversi alle 07:58:48. Il terremoto ha avuto origine (ce lo dicono le reti sismiche) alle 07:58:35, quindi 13 secondi prima. Da notare che i gatti alzano la testa esattamente in corrispondenza di un rumore secco nella stanza. Potrebbe quindi essere stato un semplice rumore improvviso ad avere allertato i gatti (dovuto per esempio a una porta o a una finestra che sbatte, a qualcuno che entra, a un oggetto che cade), ma in realtà vediamo che essi continuano a restare vigili nei secondi successivi.

Poco dopo, arriviamo a quello che i commentatori hanno interpretato come il vero terremoto: si vede la stanza ballare fortemente a partire dalle 07:58:58, quindi circa 10 secondi dopo le prime “alzate di testa” dei gatti. Potrebbe essere l’arrivo delle onde S?

07:58:58: i gatti del Cat Café scappano impauriti all’arrivo del “terremoto”

Ecco il calcolo che si può fare. Ipotesi: abbiamo un’onda P dopo 13 secondi e una S dopo 23 secondi dal tempo origine dal terremoto. Se assumiamo una velocità media delle onde P nella crosta pari a 6 km/s otteniamo una distanza dall’ipocentro di 78 km (6 km/s x 13 s). Vediamo le S: assumendo una velocità delle onde S pari a quella delle onde P diviso 1.78 (come da manuale) otteniamo: 6/1.78 = 3.37 km/s. Moltiplicando questa velocità per il tempo di tragitto (in questo caso 23 secondi) otteniamo: 3.37 km/s x 23 s = 77.5 km.

In sostanza, i due momenti di “attenzione” dei gatti potrebbero corrispondere all’arrivo delle onde P e delle onde S, se il luogo si trovasse a 75-80 km.

Non ci resta quindi che verificare la posizione del Cat Café rispetto all’epicentro del terremoto del 18 giugno. Mettiamo nelle mappe di Google la posizione del Cat Café (延時147-13 和歌山グランドビル3FWakayama) e le coordinate dell’epicentro del terremoto (34.826°N – 135.640°E) e il gioco è fatto: 77.5 chilometri!

Mappa dell’area epicentrale: la distanza (linea nera) tra il Cat Café (in basso a sinistra) e l’epicentro (in alto a destra): 77.5 km (maps.google)

Il caso è quindi risolto. I poveri mici sono stati spaventati (poco) dall’onda P del terremoto, che ha impiegato circa 13 secondi per raggiungere il Cat Café. Che si siano allarmati per le vibrazioni o per il rumore prodotto da qualcosa che veniva spostato dall’arrivo dell’onda sismica, non lo possiamo sapere. Dieci secondi dopo, arriva il vero terremoto, o meglio il vero scuotimento, quello delle onde S, accompagnato da forti rumori di cose che scricchiolano e sbatacchiano, e allora si spaventano parecchio. Da notare che in quella stanza non cade neanche uno scaffale o un oggetto dai mobili, segno che i gestori avevano tenuto in giusto conto l’ipotesi di un evento sismico (cosa piuttosto frequente da quelle parti) fissando i mobili alle pareti. Evidentemente sono preparati ai terremoti. E vogliono bene ai gatti.

A cura di Alessandro Amato, INGV.


Licenza

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Il terremoto del 2012 in Emilia poteva essere previsto guardando le formazioni nuvolose?

Un lavoro pubblicato di recente sulla rivista Natural Hazards and Earth System Sciences da un team di ricercatori statunitensi e italiani, Jeremy Thomas, Fabrizio Masci e Jeffrey Love, pone fondati dubbi sulla validità di uno studio di due ricercatori cinesi relativo ad una presunta previsione del terremoto del 20 maggio 2012. Lo studio di Thomas et al. è parte di un processo di riesame dei precursori dei terremoti che sono stati e continuano a essere riportati nella letteratura scientifica con l’obiettivo di poterli un giorno utilizzare per sviluppare tecniche di previsione dei terremoti.


La presunta previsione del terremoto del 20 maggio 2012 nella valle del Po

In un articolo pubblicato nel 2013 sulla rivista Natural Hazards and Earth System Sciences, due ricercatori cinesi, G. Guangmeng and Y. Jie, affermarono di aver predetto il terremoto avvenuto il 20 maggio 2012 nella valle del Po. La previsione era stata fatta osservando immagini da satellite che mostrano la formazione di nubi lineari lungo il versante orientale degli Appennini. Secondo Guangmeng e Jie, formazioni nuvolose lineari e stazionarie, possibili precursori del terremoto del 20 maggio 2012, si sono formate lungo gli Appennini nei giorni 22 e 23 aprile 2012 (vedi esempio in Figura 1).

fig1

Figura1. Una delle immagini satellitari della nube lineare considerata precursore del terremoto avvenuto il 20 maggio 2012 nella valle del Po.

Questa osservazione aveva portato i due ricercatori a formulare una previsione di un terremoto di magnitudo 6 che si sarebbe verificato da qualche parte in Italia entro un mese. La previsione sarebbe stata comunicata a due loro colleghi. Come prova a supporto della loro previsione, Guangmeng e Jie fanno notare che la formazione da loro riportata è pressoché orientata in direzione NW-SE, come le principali faglie attive presenti nell’Italia centrale. Circa un mese dopo, il 20 maggio 2012, un terremoto di magnitudo 6 si verificò nella valle del Po. Leggi il resto di questa voce

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: