Italia sismica: i terremoti dell’estate 2016

Dopo un periodo di interruzione, torna la rubrica ITALIA SISMICA per descrivere la sismicità di questi ultimi mesi caratterizzati in particolare dalla sequenza sismica in Italia centrale. La sismicità durante i mesi estivi del 2016 può essere suddivisa in due periodi molto diversi separati dall’evento del 24 agosto di magnitudo Mw 6.0 tra le province di Rieti e Perugia. Il primo periodo, pre-24 agosto, non si discosta molto dall’attività dei primi 5 mesi del 2016, mentre il secondo periodo è caratterizzato dalla sequenza sismica che contribuisce in maniera rilevante al numero di terremoti localizzati durante l’ultima parte del mese di agosto e nel mese di settembre.

I terremoti registrati dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV durante i 4 mesi estivi del 2016 (giugno, luglio, agosto e settembre).

I terremoti registrati dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV durante i 4 mesi estivi del 2016 (giugno, luglio, agosto e settembre).

Nel grafico qui sotto è possibile vedere quale impatto abbia avuto la sequenza sismica in Italia centrale sul numero complessivo di terremoti localizzati dalla Rete Sismica Nazionale su tutto il territorio nazionale. Sono rappresentati il numero mensile di terremoti localizzati su tutto il territorio nazionale (azzurro) e quelli localizzati nella sola area interessata dalla sequenza iniziata il 24 agosto (rossi). Nei mesi di giugno e luglio, il numero di terremoti che si sono verificati è compatibile con la solita sismicità di fondo dell’area dell’appennino centrale.

fgfg

Nel mese di giugno la Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha localizzato 1111 terremoti, un numero quasi identico a quello registrato nel precedente mese di maggio, con una media che si conferma intorno ai 37 eventi al giorno.

I terremoti localizzati dalla Rete Sismica Nazionale nel mese di giugno 2016.

I terremoti localizzati dalla Rete Sismica Nazionale nel mese di giugno 2016.

In questo mese è stato registrato un solo evento di magnitudo uguale o superiore a 4.0 il giorno 2 giugno (Mw 4.3) con epicentro al di fuori dei confini nazionali nelle vicinanze delle coste tunisine, a sud-ovest del Canale di Sicilia. Sono stati 16 gli eventi di magnitudo compresa tra 3.0 e 3.9 e 126 quelli di magnitudo tra 2.0 e 2.9. Nell’area a nord del Lago di Bolsena, tra le province di Terni e Viterbo è proseguita nei primi giorni del mese la sismicità dopo l’evento del 30 maggio di magnitudo Mw 4.1Sono stati registrati circa 25 eventi di bassa magnitudo, con valore massimo pari a M 3.2.  Un’altra piccola sequenza con oltre 70 eventi in meno di una settimana è stata localizzata a nord-est della città di Benevento nei pressi di Pietrelcina (BN). I terremoti registrati hanno avuto valori bassissimi di magnitudo, inferiori a 3.0.

Leggermente più basso il numero di terremoti localizzati nel mese di luglio: 1004 eventi, in continuità con i mesi di maggio e giugno. Anche la media giornaliera è leggermente inferiore, intorno a 32 eventi al giorno.

I terremoti localizzati dalla Rete Sismica Nazionale nel mese di luglio 2016.

I terremoti localizzati dalla Rete Sismica Nazionale nel mese di luglio 2016.

In questo mese non è è stato registrato nessun evento di magnitudo uguale o superiore a 4.0. Sono stati 13 gli eventi di magnitudo compresa tra 3.0 e 3.9 e 86 quelli di magnitudo tra 2.0 e 2.9. Gli eventi di magnitudo maggiore sono stati localizzati rispettivamente il 5 luglio (ML 3.9) nel Mar Ionio e il 30 luglio (Mw 3.7) nella provincia di Torino.

Come si può facilmente intuire il mese di agosto può essere suddiviso tra prima e dopo l’inizio della sequenza sismica in Italia centrale. In totale i terremoti localizzati dalla Rete Sismica Nazionale sono stati 4328, di questi solo 873 avvenuti prima del 24 agosto. La media giornaliera ad agosto sale fino a quasi 140 terremoti, tenuto conto dell’elevato numero di eventi nell’ultima settimana del mese.

agosto_iside2016_

La sismicità registrata dalla Rete Sismica Nazionale nel mese di agosto 2016.

Prima del 24 agosto sono stati registrati circa 800 terremoti, tra questi solo 9 di magnitudo compresa tra 3.0 e 3.9.  Dal 24 agosto sono stati localizzati oltre 3400 eventi , due di questi hanno avuto una magnitudo superiore a 5.0: la scossa principale di magnitudo Mw 6.0 delle ore 03:36 italiane del 24 agosto con epicentro nei pressi di Accumoli (RI) e la principale replica circa un’ora dopo, di magnitudo Mw 5.4, in provincia di Perugia, nei pressi di Norcia.  Sono stati registrati 12 eventi di magnitudo uguale o maggiore di 4.0,147 gli eventi di magnitudo compresa tra 3.0 e 3.9 e 1067 quelli di magnitudo tra 2.0 e 2.9.

Grafico

L’andamento temporale dei terremoti avvenuti su tutto il territorio nazionale dal 1 al 31 agosto 2016.

Il grafico sopra mostra l’andamento temporale dei terremoti avvenuti su tutto il territorio nazionale dall’1 al 31 agosto 2016. Nel grafico si notano nella parte sinistra i circa 800 eventi localizzati dalla Rete Sismica Nazionale prima del 24 agosto e successivamente gli oltre 3400 terremoti localizzati quasi tutti nell’area della sequenza. Nelle prime due giornate della sequenza si nota l’assenza delle piccole scosse (da magnitudo 2.0-2-5 in giù) nel grafico. Ciò è dovuto all’impossibilità di localizzare tutti i terremoti (visto il numero estremamente elevato di scosse), dando la precedenza ai terremoti più forti. La successiva fase di analisi e revisione delle localizzazioni contribuirà a colmare questa lacuna temporanea.

La sequenza sismica in Italia centrale nel mese di agosto 2016.

La sequenza sismica in Italia centrale nel mese di agosto 2016.

Nel mese di settembre continua il forte impatto della sequenza sul numero di terremoti registrati dalla Rete Sismica Nazionale. Sono ben 10403 gli eventi localizzati, di questi 9833 nella sola area della sequenza. La media giornaliera si impenna oltre 345 terremoti.

La sismicità localizzata dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV nel mese di settembre 2016.

La sismicità localizzata dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV nel mese di settembre 2016.

Sono 2 gli eventi di magnitudo maggiore 4.0 (Mw 4.3 e 4.2) entrambi registrati il giorno 3 settembre nell’area della sequenza; 70 sono stati gli eventi di magnitudo compresa tra 3.0 e 3.9 e 838 quelli di magnitudo tra 2.0 e 2.9. Tutti gli altri eventi, oltre 9.000, sono di bassa magnitudo, inferiore a 2.0, e sono stati registrati quasi esclusivamente nell’area della sequenza grazie anche al contributo delle stazioni delle reti temporanee installate durante le prime fasi dell’emergenza.

La sequenza sismica in Italia centrale durante il mese di settembre 2016.

La sequenza sismica in Italia centrale durante il mese di settembre 2016.

Anche per tutto il 2016 è possibile visualizzare gli articoli di ITALIA SISMICA con un una story map del tipo MAP JOURNAL che permette di integrare la mappa interattiva dei terremoti di magnitudo uguale o superiore a 1.5 per ciascun mese con i contenuti informativi e multimediali degli articoli. Sulla mappa interattiva è possibile anche interrogare i singoli eventi ed avere informazioni sulla magnitudo, la data\ora e la profondità (la story maps è in aggiornamento).

La story map

La story map “MAP JOURNAL” della sismicità del 2016

A cura di Maurizio Pignone (INGV – Centro Nazionale Terremoti).


Crediti dati

ISIDe, Italian Seismological Instrumental and parametric Database, ISIDe Working Group INGV 2015http://iside.rm.ingv.it

Licenza

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Informazioni su INGVterremoti

geologo presso Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Pubblicato il 5 novembre 2016, in Italia sismica, i terremoti del mese, Mappe interattive - Story maps, Sismicità Italia con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: